Day 5: Los Angeles

Sept. 15, 2015.

Non ci saremmo mai immaginate di essere svegliate dalla pioggia che scroscia a Los Angeles! E invece è così. Purtroppo, o per fortuna, dipende dai punti di vista, piove: quindi dopo la colazione al Figtree’s Café decidiamo di spostarci nella vicina zona pedonale di Santa Monica, dove ci sono un pò di negozi, e ci diamo allo shopping!
Unica regola: comprare solo in negozi americani.
Conseguenza di ciò: spendiamo da Victoria’s secrets, Adidas e Forever 21.
Questa zona pedonale a Santa Monica è molto carina, piena di negozi, ma anche di ristorantini alla moda frequentati da ragazzi, che comunque animano le vie di Santa Monica in qualsiasi orario della giornata.

Come ultima tappa a Los Angeles decidiamo di visitare Long Beach, nella zona sud della città; è vero che siamo partite senza aspettative ingombranti, ma è anche vero che se dici “Long Beach”, subito viene in mente un quartiere ricco, tenuto bene, con tanto verde.
Ecco, Long Beach è tutto tranne questo: o meglio, si tratta di un semplicissimo quartiere sul mare, prevalentemente commerciale, con uffici e fast foods.

E’ così che si conclude questa prima tappa a Los Angeles, ed è il momento di tirare le prime conclusioni sulla città degli angeli:
– inanzitutto, un consiglio da amica, procuratevi un’auto perché le distanze a LA sono enormi, e molto spesso i luoghi da visitare sono situati in zone molto distanti tra loro; spostarsi con gli autobus locali è fattibile, ma richiede molta pazienza e molto tempo!
– senza dubbio capiterà che la gente del posto si rivolga a voi, anche solo per chiedere come state, se avete bisogno di aiuto per andare da qualche parte, o anche solo per farvi i complimenti, perché i californiani non si fanno problemi, dicono esattamente quello che pensano, e sono sempre molto gentili e disponibili.
– c’è poi da segnalare una netta differenza tra i quartieri poveri e quelli ricchi, ma questa è una carateristica della città, quella di ospitare gli “opposti”; a Los Angeles si trova ogni tipo di persona umana, il ricco e il povero, il bello e il brutto, l’asiatico e l’europeo, Los Angeles ospita chiunque voglia essere ospitato!
Perché alla fine, come ha detto un ragazzo conosciuto in bus, “this is LA, it’s crazy!”.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.