Lisboa, dia 5 – 18 dic

Set 10, 2017 | DESTINAZIONI, europa, portogallo

Lisbona della Torre de Belem, un’imponente costruzione che si erge proprio sul mare, utilizzata come fortino e come punto di controllo per proteggere la città dall’arrivo dei pirati, anch’essa costruita dai mori, geni nell’architettura fortificata. Anche in questo caso va detto: #morosdoitbetter

Lisbona del Monumento ai Navigatori, non lontano dalla torre, anzi piuttosto vicino, che si presenta come una gigantesca nave/caravella/nao (pochi, forse, sanno di cosa parlo), anch’essa costruita proprio sulla spiaggia che però è cementata. E in basso i più importanti navigatori portoghesi dirigono la prua verso l’oceano, pronti a salpare! Non per niente il Portogallo è terra di navigatori: Vasco da Gama, Magellano, Bartolomeo Diaz. Solo che ovviamente il monumento è impalcato per alcuni restauri. Dico “ovviamente” perché succede sempre, categoricamente, che ovunque vada debba trovare un monumento impalcato, è che inevitabilmente le impalcature non mi permettano di fotografarlo al meglio. #karmaostile

Lisbona del Museo Berardo, museo di arte contemporanea che raccoglie opere di artisti europei del Novecento.. ed è veramente interessante, ci sono opere che raramente vengono affrontate dal grande pubblico e che per questo, forse, trovano maggiore difficoltà nell’essere capite. Questo museo è l’esempio perfetto per capire in che modo l’arte del Novecento (soprattutto, ma non solo) intenda provocare, l’arte è provocazione.

Lisbona del Monastero dos Jeronimos, che tra l’altro ospita la tomba del sopracitato Vasco da Gama. Un monastero che serviva come punto di appoggio per tutte le persone in entrata e in uscita dal porto di Lisbona, e che al tramonto si tinge di oro e colori caldi, rendendone la visione ancora più speciale.

Chi sono

Giulia Maio, travel blogger dal 2015, fiorentina doc dal cuore sardo.

Mi occupo di promozione del territorio, italiano ed estero.

Gli ultimi articoli pubblicati

Cosa stai cercando?